Come pagare meno commissioni alle OTA

Home / News / Come pagare meno commissioni alle OTA

Le principali OTA, come Booking, Airbnb ed Expedia sono ormai imprescindibili, un dato di fatto universalmente riconosciuto. Queste multinazionali hanno dimostrato una notevole capacità di identificare e soddisfare le esigenze comuni dei viaggiatori a livello globale.

In passato, trovare una sistemazione richiedeva contattare singolarmente le strutture trovate su Google, spesso tramite siti web non aggiornati o senza prezzi chiari. Bisognava chiedere disponibilità per telefono, email o complicati moduli online, con la possibilità di ricevere risposte negative. Oggi, grazie alle OTA, è sufficiente una semplice ricerca per visualizzare strutture con disponibilità immediata e prezzi aggiornati, consentendo di prenotare con un solo clic. Questo è il servizio che le OTA offrono ai viaggiatori, un servizio per cui, in teoria, dovrebbero essere loro a pagare. In realtà, però, sono le strutture ricettive a sostenere i costi attraverso elevate commissioni su ogni prenotazione.

Di conseguenza, molte strutture scelgono di aumentare i prezzi su Booking per coprire le commissioni richieste, una pratica comprensibile e giustificata. Oggi, la maggior parte dei viaggiatori è consapevole che i prezzi su Booking, nonostante gli sconti e le tariffe “Genius”, sono aumentati per compensare le commissioni. Per questo motivo, è sempre più comune che, dopo aver trovato una struttura, i viaggiatori la cerchino anche su Google. In questo modo, possono individuare il sito web ufficiale della struttura o il suo profilo Google Business, confrontando i prezzi su tutti i portali in cui è presente.

Tuttavia creare un sito web con un motore di prenotazione o utilizzare un software per il confronto dei prezzi su Google e TripAdvisor comporta costi significativi, che possono variare da alcune centinaia a migliaia di euro all’anno. Per questo motivo, molti Host si affidano completamente a Booking come unica fonte di prenotazioni. È innegabile che Booking svolga un lavoro eccellente per molte strutture, riempiendo le case vacanze grazie a ingenti investimenti pubblicitari su tutti i canali disponibili.

Tuttavia, questa dipendenza comporta un rischio notevole. Basta un overbooking o qualche recensione negativa per perdere visibilità tra una moltitudine di strutture concorrenti in continuo aumento. Affidarsi esclusivamente a una sola piattaforma, sperando che tutto proceda senza intoppi, può rivelarsi rischioso nel settore dinamico e imprevedibile del turismo.

Qual è il segreto?

La chiave è avere una forte presenza online. Un sito web ben posizionato su Google, dotato di booking engine, prenotazione immediata e con disponibilità e prezzi sempre aggiornati è fondamentale. Tuttavia, è altrettanto importante essere facilmente contattabili tramite email, telefono e WhatsApp.

Non serve un sito web super professionale, poiché il 90% dei viaggiatori accede da dispositivi mobili. La navigazione deve essere semplice e intuitiva: una singola pagina che contenga tutte le informazioni necessarie, scorrevole dal basso verso l’alto, con immagini che si scorrono da sinistra verso destra, tutto facilmente gestibile. I prezzi devono essere visibili sul profilo business di Google e su TripAdvisor. È essenziale rivendicare e aggiornare questi profili con i dati e l’indirizzo ufficiale del vostro sito web.